logo_mecatron.png

DAL 1982  FORNITORI DI INNOVAZIONE

UV Sanitization Robot

UV Sanitization Robot è un sistema di sanificazione che prevede l’impiego di un robot mobile a guida autonoma e della tecnologia della luce ultravioletta alla lunghezza d'onda continua UV-C. Il robot consente di disinfettare autonomamente le aree ospedaliere e gli ambienti sanitari, dopo i protocolli di pulizia standard, favorendo così la riduzione delle infezioni ospedaliere.

UV Sanitization Robot.png

La luce ultravioletta UV-C provoca una rapida ed efficace inattivazione dei microrganismi patogeni mediante un processo fisico. Quando batteri, virus e funghi sono esposti alle radiazioni continue dei raggi UV-C a 254 nm, vengono inattivati attraverso la distruzione dei legami molecolari del DNA e dell’RNA, impedendone la replicazione ed eliminando la capacità infettiva.

come funziona la sanificazione con UV-C

perché utilizziamo un robot mobile

La maggior parte dei sistemi di sanificazione con raggi UV-C presenti sul mercato devono essere posizionati manualmente al centro del locale dal personale addetto alle pulizie. Ma l’efficacia della sanificazione con UV-C è direttamente proporzionale all’energia che la superficie riceve. Le radiazioni UVC a 254 nm hanno una lunghezza d'onda corta e un'energia elevata e diretta, il che significa che gli oggetti in prossimità della sorgente luminosa avranno un'esposizione più elevata, mentre gli oggetti lontani dalla sorgente luminosa riceveranno meno energia. Qualsiasi area in ombra rispetto alla sorgente luminosa non riceverà nessun’energia. Per ovviare a questo problema, utilizziamo un robot mobile a guida autonoma dotato di lampade a raggi UV-C. UV Sanitization Robot svolge in completa autonomia un percorso all’interno dell’ambiente da sanificare, in un tempo calcolato in base alle dimensioni dell’ambiente e al programma selezionato, cosicché tutte le superfici ricevano lo stesso grado di radiazioni UV-C.

sicurezza del sistema

I raggi UV-C sono radiazioni pericolose per la pelle e gli occhi dell’uomo, perciò durante le operazioni di sanificazione è vietato sostare in prossimità della sorgente luminosa senza mezzi di protezione1. Per evitare che accidentalmente qualcuno si possa trovare in prossimità durante la sanificazione, il sistema è dotato di un sensore Radar 3D volumetrico, in grado di rilevare la presenza di persone: quando qualcuno entra nel campo di rilevamento, il sistema spegne automaticamente l’irradiazione per evitare possibili danni sul corpo umano causati dai raggi UV-C.

quali microrganismi neutralizza

È stato ampiamente dimostrato dalla letteratura scientifica come i raggi UV-C consentano di inattivare fino al 99,9% di una varietà di microrganismi patogeni, tra cui: Clostridium Difficile, SARS-CoV, MERS-CoV, MRSA, VRE, Mycobacterium tuberculosis, Candida Auris, Legionella ecc. (2)(3)(4) Il grado di inattivazione dipende dalla dose o fluenza delle radiazioni UV-C applicata, comunemente espressa in millijoule per centimetro quadrato (mJ / cm2).

rs7.jpeg